Ditemelo voi

Guardo Ballaraò di RAI3 stasera, e mi è sorta una domanda molto, ma molto semplice, anche se allo stesso tempo dalla risposta complicatissima….
SU CHE BASI ?
Ovvero:
le due fazioni schierate, emanavano i loro programmi, e difendevano i loro precedenti governi e allo stesso tempo infangavano i governi dell’altra fazione, citando cifre; quale è il problema?
Presto detto, se due persone, parlando dello stesso dato dicono, una dice che tal governo lo ha abbassato del -2.5 e l’altra dice che lo ha alzato del +1.5 voi capite che ballano 4 punti di differenza, io ha chi devo credere? Quella trasmissione televisiva mi è effettivamente servita a carpirci di più?
Ponendo che i programmi non li rispettano, vuoi per vari motivi, dalla incapacità, ad un’opposizione che fa opposizione a vanvera (da ambo i lati), o per altri motivi, e che i dati che tanto spiattellano in faccia all’elettorato, dati cosi, non servono a nulla, perché io quando compro una macchina il concessionario non mi dice: “il prezzo va dai 17 mila ai 23 mila euro, tu firma il contratto poi te lo dico con esattezza.”, capite bene che devo saperlo prima per poter scegliere.
Detto questo, se sui dati non posso basarmi e suo programmi nemmeno (tante belle parole utopistiche che fan grande solo la bocca di chi li dice) io su cosa mi baso per scegliere?
Sulle facce, accendo Ballarò tolgo il sonoro e alla fine di 3 ore di programma scelgo chi ha la presenza migliore !!! a questo punto fate entrare più donne nella politica e l’elettorato maschile è soddisfatto !!!!

Certo, qualcuno di voi con estremo candore, e con ragione, mi può dire di cercar dati su internet per confutare una o l’altra versione, o magari smentirle entrambe, ma il problema è che i dati in Italia sono interpretabili, bella parola che salva capra e cavoli, e in più, concedetemelo, fatti di merda, perché l’istat non può venirmi a dire che le famiglie italiane spendono al mese 0.9% del loro stipendio per mantenere il costo della casa; stimando 1100 di stipendio, lo dico a voi che vi siete fatti il mutuo per comprarvi casa, spendete 9.9 euro al mese, quindi non capisco perché diate 800 e passa euro al mese ad una banca per pagare il mutuo, quando l’istat dice che dovreste darne 9.9 !!!!!

Aggiungo questo:
http://it.youtube.com/watch?v=lRK1okJxSPE

http://it.youtube.com/watch?v=KWzqfPyxerw

Ditemelo voiultima modifica: 2008-02-20T00:16:40+01:00da claudiocolombo
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Ditemelo voi

  1. Grandissimo Leonardo Facco.
    Si impegna molto a diffondere il pensiero libertario, sia con la sua casa editrice che su youtube e su internet.

    Dice cose giustissime, della diffusione di idee simili ci sarebbe proprio bisogno, soprattutto qui da noi e soprattutto in uno stato come quello itaGliano.

    Il libertarismo non sarà la panacea di tutti i mali se applicato integralmente alla lettera, ma bisogna ammettere che l’introduzione di una buona parte dei suoi principi nell’attuale gestione della cosa publica provocherebbe un eccezionale passo avanti verso una società piu libera e migliore.

    Consiglio a tutti una infarinatura di ideali libertari.

    Qui Leonardo fa una carrellata di video in cui dice la sua su vari argomenti … ottimi esempi di come gli ideali libertari possono essere applicati ai problemi quotidiani della nostra politica…

    http://it.youtube.com/user/Leonardofaccoeditore

    buona visione.

  2. Colo per me il fattore casa è determinante.. il mutuo è il primo errore commesso dagli itaGLiani.. il mutuo non conviene MAI!! e la gente non ha ancora capito che le banche non sono degli istituti di benificenza.. ma sono delle vere e proprie aziende che devono guadagnare sempre e comunque… e non si può pensare alla banca come un posto dove si và si prendono i soldi e li si ridanno a poco a poco senza pagare salati interessi… è assurdo.. và fuori della leggi economiche e del mercato..

    la banca a fronte di una uscita prevede un guadagno certo.. quindi a me sinceramente quelli che vanno contro le banche mi fanno ridere perchè quando apri un mutuo se hai un minimo di cervello sai a cosa vai incontro.. sopratutto qua in italia dove le banche sono delle vere e proprie mafie legalizzate e lo stato lo sà e ci mangia pure lì…cioè il concetto che voglio esprimere io è: prima di farti un mutuo non pensarci 3-4 volte ma pensavi 10 volte…

    Scusa io ti faccio un semplice calcolo:

    Tra e me Sara l’obbiettivo è quello di portare a casa a testa almeno 1500 euro.. dopo il primo anno di lavoro,dopo il primo anno di lavoro il mio obbiettivo è quello di farmi assumere a tempo indeterminato perchè io sò quello che valgo..e sò che ce la posso fare tranquillamente, il primo anno di lavoro non lo conto perchè sinceramente è ancora come se studiassi.. devi farti conoscere e devi far capire quello che vali.. insomma è come se fossi ancora in prova e lo stipendio che ti danno è solo un contentino.. ma in realtà nel primo anno impari e basta.. è come se fosse un altro tirocinio forzato..

    Quindi dopo il primo anno in due l’obbiettivo è quello di portare a casa 3000 euro… che moltiplicati per 12 mesi fanno 36000 euro.. che moltiplicato per 4 anni fà 144000 euro.. che mi sembrano sufficienti per comprarsi un appartamentino per 2 persone no?… quindi lavorando in 2 in 4 anni una casa la si compra..

    Ora nota bene che non ho moltiplicato per 13.. cioè tredicesimo stipendio.. cioè tredicesima.. perchè in un anno 1500 euro credo di spenderli per vestirmi…non posso presentarmi al lavoro come mi presento adesso all’uni..e 1500 euro non sono pochi per comprarsi dei vestiti normali.. certo che se voi pensate di andarvi a vestire da armani e gucci non vi bastano manco per comprarvi un pantalone.. ma sinceramente sinceramente se hai un obbiettivo importante da conseguire per 4 anni puoi anche andare all’upim a comprarti una giacca e un pantalone e con 100 euro te la sei cavata alla grande e con 1500 euro te ne compri almeno 13 di capi.. e magari anche i tuoi genitori un regalino te lo fanno ogni tanto..

    per il resto in quei 4 anni purtroppo per come funziona il sistema italia bisogna assolutamente farsi mantenere dai genitori nello stesso modo in cui ci si faceva mantenere durante gli studi perchè secondo me se no col cavolo che riesci a mettere da parte tutti quei soldi.. questo vuol dire che:

    – mangi e ceni tutti i giorni dai tuoi..
    – non esci la sera a spendere e a cazzeggiare
    – eviti tutte le spese inutili.. (Cellulari – televisori – macchine nuove etc..)
    – ti fai pagare dai tuoi ancora,bollo,assicurazione,e grosse spese…
    – fai vacanze brevi spendendo il meno possibile…

    Insomma lavori ma continui a spendere come uno studente.. cioè nulla.. perchè io attualmente spendo solo i soldi della benza..

    Inoltre il mio obbiettivo è quello di far crescere il mio stipendio… cioè ogni anno il mio stipendio deve crescere.. perchè io ho fatto il calcolo tenendo fisso lo stipendio ma non è che io e Sara stiamo studiando così per sport.. si studia per guadagnare un titolo che nel tempo valorizzerà la tua professione e la tua carriera professionale..

    poi non è che sei hai la laurea tutto ti è dovuto sta a te giocare le tue carte ed utilizzarle al meglio ma se dopo il primo anno di lavoro io non ho un lavoro decente (a tempo indeterminato, ed è per questo che parlo anche di tredicesima..) pagato bene che mi permette di crescere e di attuare i miei piani io davvero me ne vado dall’italia senza pensarci due volte..

    Il punto è che se due persone con un titolo di studio serio non riescono a portare avanti il progetto di comprarsi una casa allora stiamo davvero allo sfacio…

    Se ora in questo momento mi immettessi nel mondo del lavoro credo che in un anno un lavoro a tempo indeterminato lo troverei senza problemi.. perchè sò quello che valgo e perchè mi baso su esperienze passate dove dopo un periodo di prova mi è sempre stato chiesto di rimanere per progetti più concreti..

    Cioè se io ora penso a due persone laureate che decidono di comprare casa mettendo da parte i soldi per 4 anni io credo che ce la possano fare.. a patto di non spendere nulla e risparmiare davvero come si faceva una volta..

    E’ ovvio che se comprassi casa adesso senza na lira avrei bisogno di mille garanti e garanzie,avrei bisogno di un mutuo trentennale che sarebbe una condanna.. e in due non ci basterebbe uno stipendio se andassimo a vivere da soli… e con tutte le spese che ci sono forse non ce la faremmo neanche con due stipendi.. e questo perchè?? perchè la rata del mutuo ci ammazzerebbe..

    Quindi il discorso a cui voglio arrivare è: PRIMA DI COMPRARTI UN’APPARTAMENTINO METTI DA PARTE ALMENO IL 70% DEL VALORE DELLA CASA.. se no sarai ucciso dal mutuo…

    Altra cosa.. il fattore single / accoppiato.. la gente non ha capito ancora che una volta c’erano molte più coppie di adesso e c’erano due persone che lavoravano portando a casa due stipendi.. e con uno ci vivevi e l’altro lo mettevi da parte.. cosa che adesso non succede più.. perchè la gente single vuole comprarsi la casa e ovviamente non ce la fà perchè mancano i soldi.. minchia ma è ovvio che in due si guadagna di più e si spende di meno perchè si dividono un sacco di spese….

    E poi il risparmio è fondamentale….

    Torno a ribadire che la cultura del risparmio è totalmente svanita in italia.. ma ti faccio un esempio stupido ma pensa ai nostri nonni che magari avevano l’orto ma sai quanti soldi risparmiavano?? io capisco che chi abita in centro a milano non può farsi l’orticello ma nessuno gli ha puntato la pistola alla testa e gli ha detto comprati la casa in centro a milano e pagala un botto di soldi con un mutuo infinito..

    Uno secondo me deve anche sapersi ridimensionare rispetto alle sue possibilità…..

    Uff ma quanto ho scritto?? cazzo mi sono lasciato prendere la mano….

    Ma insomma quello che voglio dire è che l’italia è un popolo di cazzoni che non avendo studiato nuota nell’ignoranza e le persone che la governano rappresentanto perfettamente il 90% degli italiani… ma io me ne rendo conto perchè mi sono accorto che l’uni mi ha profondamente cambiato in questi anni.. da quando mi sono messo a studiare davvero mi è cambiato il cervello… in certi momenti manco mi riconosco.. ormai pianifico tutto… divido i problemi in sottoproblemi.. scrivo ogni cosa su carta… analizzo ogni cazzata… boh.. prima ero diverso.. pensavo che tutto mi era dovuto e facevo le cose senza ragionare.. ora penso 3 volte prima di fare ogni cosa… metto tutto in funzione del denaro… boh ma sono io o sono gli altri??

    E comunque non venitemi a dire che i miei calcoli sono sbagliati perchè se uno guadagna 1500 euro e non ne spende manco 100 al mese ce la fà tranquillo a mettere da parte i soldi…
    Quando hai il culo parato dai tuoi e mangi e bevi a casa con mammina senza spendere na lira ce la fai tranquillo a mettere da parte i soldi…

    Tutto quello che voi ritenete fondamentale cellulare- macchine – tv – vacanze.. in realtà sono tutte cazzate che vi bruciano i soldi…

    Se siete in due e non avete fretta la casa ve la comprate in 4-5 anni senza problemi….

    E con questo chiudo perchè credo di aver scritto miliardi di parole e sono quasi 40 minuti che sto davanti al pc……

    L’italia fà schifo ma gli italiani non sono da meno perchè ragiono con il culo…

  3. Punto uno: è vero hai scritto troppo.

    Punto due: è vero, la cultura del risparmio è sparita, io sono stato cresciuto con la mentalità se li hai li spendi se non li hai non li spendi, quindi mutuo ZERO, se devo comprare qualcosa la compro con i miei soldi.

    Punto tre: io sono anche molto fortunato ad avere già due casa, una per i miei e una per me, merito dei nonni previdenti, che quando avevano soldi ingrandivano casa e quando non li avevano li risparmiavano, e ora è ho 2 piani di casa divisa in 2 appartamenti.

    Punto quattro: ma se spendi meno di 100 euro al mese l’iPhone, la XBox 360, la DS, come cazzo li compri??? Le hai rubate !!!!!!!!!!!!!

  4. Andre, come spesso accade, in gran parte concordo con te.

    Però c’è anche da pensare che non è sempre possibile stare a casa e sfruttare i genitori… per ora è così per forza, ma un pensiero che mi assilla sempre è quello che appena guadagno qualcosa devo liberarli da questo peso e andarmene per i fatti miei, dando una parte dello stipendio ai miei. So che questo è quasi impossibile qui da noi, almeno per i primi 5 anni se non di più di lavoro.

    Anche per questo sto iniziando a non sopportare più l’uni, è spesso una perdita di tempo, delle cose che ho fatto finora credo che in futuro quelle utili saranno si e no il 25%… e ciò mi fa incazzare perchè alla fine si passa il 75% del tempo a fare cose che già sapevi oppure che ti dimenticherai appena finito il corso o comunque utili solo allo scopo di conseguire il famoso pezzo di carta … sperando che poi sia davvero utile poi (qualche dubbio ce l’ho) .

    Però in generale è vero che l’indipendenza costa: se non hai la possibilità di stare dai tuoi e non hai la possibilità di condividere le spese con un’altra persona, solo per mangiare e gestire la casa il 50% (ad essere moooolto ottimisti) dello stipendio va via per mangiare, per bollette e per mantenere la casa… alla fine per ogni cazzata tipo si rompe questo , non va la caldaia, ecc ti parte un quarto dello stipendio…

    Oppure considera anche (dato che hai nominato Ferrara) che .. insomma.. potrebbe capitare il bebè… (ciao Lore! 😀 )

    Poi anche cose tipo l’orto magari risparmi qualcosina ma in realtà sono una perdita di tempo, alla fine non puoi uscire di casa alle 7 del mattino e tornare alle 7 di sera dal lavoro e metterti a zappare nel crepuscolo… insomma ti esaurisci… e comunque non è che risparmi tantissimo… insomma dipende dalla dimensione dell’orto.. ma se è un orticello casalingo toh, fai anche 20 euro al mese di verdura.. non so quanto convenga… ed ha anche delle spese.. l’acqua, gli attrezzi, i semi, il terriccio, eccetera…

    Invece quando guardo gli stipendi medi fuori dall’italia che sono il doppio dei nostri e contemporaneamente siamo una delle zone in europa in cui la vita costa di più e il trend dell’economia è pure in discesa mi vien da pensare che veramente siamo conciati malissimo… e che non ha nemmeno molto senso stare qui a fare programmi perchè tanto non può continuare così… prima o poi c’è il patatrac e allora titoli di studio e menate varie non so a quanto serviranno… mah… vabè vedremo.

    Saluti! ^_^

  5. http://www.soldiblog.it/post/1683/rimanere-single-non-%e2%80%9cconviene%e2%80%9d

    Scritto da : croccobiscotto

    anche questo è un problema… insomma, molti single soprattutto maschi, a parte la mancanza di tempo per farlo, non sanno cucinare bene (me compreso) quindi se mi trovassi a vivere da solo so gia che la maggior parte delle volte, almeno inizialmente, dovrei per forza prendere i cibi precotti tipo 4 salti in padella e robe del genere o cmq cose già preparate e veloci da fare…

    Poi col tempo si impara, ma cmq all’inizio è anche quella una spesa, perchè quella roba costa molto di piu.

Lascia un commento