Progetto Casa

OK, è la una e cinque, dovrei andare a letto, domani giornata molto lunga da un cliente alle Torri Bianche; comunque, ho voglia di fare scrivere qualcosa, quindi lancio la sezione CASA.
Ho sempre avuto molte, troppe, idee su casa mia, ora è venuto il momento di sentire le vostro.
Non so se avete notato ma sulla destra, nella sezione ALBUM c’è una dicitura che recita così: Progetto Casa,
se la aprite trovate una piantina di casa mia (del primo piano) attualmente, e una piantina a fianco con le modifiche che voglio apportare da qui a…. diciamo 5 anni, per stare larghi.
Datemi suggerimenti su cosa e come fare a migliorarla.

Tirate fuori l’architetto che è in voi, i migliori commenti saranno presi seriamente in considerazione.

Progetto Casaultima modifica: 2007-12-17T01:20:32+01:00da claudiocolombo
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Progetto Casa

  1. Minchia colo mi mancano troppo i festini alcolici a casa tua..
    cazzo quella volta che eri ubriaco fradicio e ti abbiamo riportato a casa io e massi è stato veramente grandioso..ahhaah
    Cmq strano quella è stata una delle poche volte che ero abbastanza sano… ehhe
    Dobbiamo assolutamente replicare…
    Minchia tralaltro siamo vicini a natale.. io mi ricordo un festino a casa tua da paura intorno al 23 dicembre.. cioè roba che poi sono stato male tipo 2 giorni..haha ah si dai era quella volta della vodka con le macine del mulino bianco… cazzo non avevamo neanche la patente!!minchia che ridere…
    mi mancano i tempi del cazzeggio esagerato..

  2. Si vabbè sano… LOL, ti ricordo che 30 secondi prima che picc mi riempisse il braccio con i funghetti mangiati a cena tu eri di fronte ad un campo di grano “a parlare con Dio” a quanto dicesti… mi ricordo che ti vedevo gesticolare da solo verso il cielo mentre io sradicavo quel maledetto palo O_o

    ^_^

    ciao!! ^_^

  3. nonono, chiariamo….
    primo, ovviamente il picc in questione sono io, un premio o chi indovina perchè il nome Picc, tranne a chi lo sa già.
    secondo, quella sera, Max sradicava pali, Andre parlava con Dio, Dario piangeva a dirotto perchè il giorno prima la sua ragazza lo aveva piantato, e io…. io ebbi un incontro ravvicinato con l’asfalto, cazzo ricordo che mentre vedevo l’asfalto che si avvicinava mi chiedo: “ma perchè si avvicina, come fa?” solo dopo la botta compresi che ero io ad avvicinarmi a lui e non lui a me…….

    Sulla mega sbronzofesta del 23 dicembre di ormai fu quell’anno, nulla da dire, i ricordi parlano per noi, per chi se la ricorda quella notte; io ad un certo punto ero sul ciglio del fiume in vespa con dietro Fabio, lasciando tutti voi nel delirio di casa mia; senza dimenticare il fatto che Max si arrampico sul palo della luce, prima di andare in coma etilico per tutta sera fino a 2 o 3 giorni dopo.

  4. Disgustorama!!!
    Disgustomatico!!!

    Che schifo quei calzini… non mi ricordo nemmeno se sono tornato a casa senza o con, forse qualcuno me li aveva prestati…

    Però mi ricordo il ritorno, la mattina dopo, sul pulmann, qualcuno che rivedeva quello che aveva bevuto (semidigerito), altri che stavano mezzi morti seduti sulle sedie e la gente che ci guardava come se fossimo stati dei tossici… Bleah!!!
    Che schifo.

    Se tornassi indietro…
    guarda, se tornassi indietro…
    rifarei tutto esattamente come l’ho fatto (anche il burro-cacao sulle orecchie per non farle congelare, ma in quel momento ero sobrio!!!)

Lascia un commento