Corto Maltese

96812d959c810580adb994d533166823.jpgCorto Maltese, romantico e caparbio, idealista al contrario, scettico su tutto, religione, convinzioni nazionalistiche idealismi:

“Non credo ai principi, cambiano a seconda delle circostanze, come i camaleonti”.

Lui tratta chiunque, lo meriti, con amicizia e compassione, mentre tutti quelli che lo incontrano lo trattano con rispetto e paura, con quell’aria da posso fare tutto o niente.

Sempre in cerca di nuove avventure, naturalmente, ben retribuite.

Nato a Malta nel 1887, e fino al 1925 gira il mondo, conoscendo molte persone, alcune delle quali esistite davvero, Jack London, Ernest Hemingway, Gabriele D’Annunzio, Herman Hesse, Butch Cassidy.

Immancabilmente si trova sempre in qualche guerra, da cui ci esce, a volte per sua bravura a volte per conoscenze, perdendo sempre qualche buon amico, ed estraendoci sempre una morale, una cinica morale, in cui brilla sempre una scintilla di speranza nel cambiare le cose non giuste.

“Probabilmente domani piangerò, ma oggi si fa a modo mio”

Quando Amalia, la cartomante si accorge che Corto non possiede la linea della fortuna sulla mano sinistra, Corto42ceb6bcb25d0f038ddd299d5dec4af1.jpg Maltese prende un rasoio d’argento di suo padre e se ne incide una da solo, ma odia chi la osserva.

Da suo padre eredita lo spirito del mare, Corto non puo mai stargli troppo a lungo lontano, da sua madre eredita uno spirito onirico, da sognatore e degli occhi che sembrano leggerti dentro.

“Dal gioco dipenderà la tua vita, non puoi rifiutare, se vinci ti lascio andare, se perdi ti metto in una cassa di ferro e finisci nell’oceano; ah, dimenticavo, avvocato, sono un baro, ti avverto, così non ci saranno reclami più tardi”.

“Mi hai salvato la vita Corto.” ”Ho fatto cose migliori.”

“Ti ho già parlato di Romana, Rasputin?” “E ora chi è questa?” “È una zingara, leggeva le carte a Barcellona; mi ha predetto che quando morirò io, anche tutti quelli che mi stanno in torno moriranno.” “Speriamo sia per un’altra volta” “Forse, ma questa miccia è maledettamente corta” “Che cosa,….. ma tu sei pazzo”.

«Corto Maltese non morirà…» – ha dichiarato una volta Hugo Pratt – «…Corto Maltese se ne andrà perché in un mondo dove tutto è elettronica, è calcolato, tutto è industrializzato, non c’è posto per un tipo come lui.»

Corto, non muore, vive nei cuori dei romantici, di chi sogna esotiche avventure, di chi pur essendo cinico, vivi facendo la cosa giusta, guadagnandoci.


 

Tutto questo per dire che mi sono rimesso a guardarmi la serie TV di Corto.

Corto Malteseultima modifica: 2007-12-11T00:20:00+01:00da claudiocolombo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento