Good morning, Vietnam

Good morning, Vietnam
salve campeggiatori, non dimenticate, il martedì è la festa della malaria,
per cui oggi prendete la pillola arancione e abbandonatevi al tango O Gelsomin.

Citazioni a parte questo è “Good morning, Vietnam“,
e per quelli di voi che non lo conoscono…….
Bhè, senza parole ragazzi, qui c’è bisogno di uno bravo ma bravo veramente.
Rendiamo omaggio al grande e incommensurabile Robin Williams,
in un fantastico film del 1987
[…] Adrian Cronauer è un aviere di leva aggregato alle truppe americane di stanza in Vietnam.
Nel 1965 viene incaricato di occuparsi della radio delle Forze Armate
e decide di sconvolgere tutte le regole…….[…]
Bhè, come inizio non è male e continua anche meglio, nella vecchia
Saigon.

Dettaglio:
nel fare il DJ alla radio Williams si ritrova a storpiare un mucchio di vocine
che poi ritroveremo in quello che sarà un capolavoro,
ovvero Mrs. Doubtfire,
Ifigenia (e qui saluto un’amica) Doubtfire.

Nota:
Il vero Adrian Cronauer aveva proposto ad alcune reti televisive un progetto di sitcom basato sulla sua esperienza di disc jockey in Vietnam, ma il progetto fu rifiutato perché la guerra non era ritenuta argomento da commedia. Un successivo trattamento cinematografico capitò nelle mani di Robin Williams, che si dimostrò interessato. A questo punto venne chiesto l’intervento dello sceneggiatore Mitch Markowitz, che elaborò un copione rispettando poco o nulla l’idea originale.

Il copione aveva molte idee non definite per permettere a Williams di improvvisare davanti al microfono della radio: questa trovata fu provvidenziale perché Williams dimostrò grande talento nel recitare a braccio.

Il film fu girato a Bangkok e si servì di brani d’epoca come colonna sonora. Memorabile è il montaggio di scene di guerra cruente sulle note di What a Wonderful World eseguita da Louis Armstrong.

Good morning, Vietnamultima modifica: 2007-10-18T01:45:00+02:00da claudiocolombo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento